Pizzutello Bianco

Utilizzo: Esclusivamente per consumo diretto

Caratteristiche ed Attitudini colturali:

  • Vigoria: buona; richiede, secondo Rossi (1954), “potatura lunga o lunghissima e la torsione dei capi a frutto, senza la quale dà scarso prodotto”; anche Vivona (1964) conferma che il Pizzutello bianco esige forme di allevamento a grande espansione (pergolato), altrimenti la pianta riesce del tutto improduttiva; secondo Pastena (1972), invece, si adatterebbe anche “alla spalliera con potatura media”.
  • Produzione: discreta.
  • Posizione del primo germoglio fruttifero: 3°-4° nodo.
  • Numero medio delle infiorescenze per germoglio: 1 o 2.
  • Fertilità delle femminelle: quasi nulla.
  • Resistenza ai parassiti ed altre avversità: normale.

Comportamento rispetto alla moltiplicazione per innesto: normale.

Sinonimi: Pizzutello di Tivoli, Uva Cornetta.

Grappolo medio – grosso, di forma cilindrica o piramidale, un poco spargolo ed alato, del peso medio di circa 300-400 grammi.

L’acino della vite da tavola Pizzutello Bianco è medio – grande, allungato e appuntito in maniera caratteristica a corno; buccia leggermente pruinosa, abbastanza sottile, resistente, di colore giallo verde o giallo oro; polpa croccante, succosa, dolce, a sapore semplice ma molto gradevole.

Epoca di maturazione: tardiva, da metà settembre a metà ottobre.

Categorie: ,

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Pizzutello Bianco”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.